Ogni partecipante dovrà realizzare un video che racconti e promuova la raccolta differenziata. Il video potrà essere ironico, educativo, potrà raccontare una storia, potrà essere un videoclip o un cortometraggio della durata minima di 1 minuto e massima di 3 minuti.

In un Paese in cui è vietato comprare sigarette prima dei 18 anni, è invece possibile a 13 lavorare dodici ore al giorno nelle piantagioni, rischiando l’avvelenamento da nicotina e da pesticidi che provoca vomito, disidratazione e disturbi neurologici, denuncia Human rights watch nel suo rapporto sul caso dei bambini impiegati nei campi di tabacco.
La Orte-Mestre, la nuova autostrada di 400km, è un’opera inutile, distruttiva, bocciata pure dalla Corte dei Conti perché rischia di creare un “buco” di almeno 10 miliardi di euro. Eppure il Governo Renzi, con il decreto”Sbanca Italia”, vuole portarla avanti a tutti i costi infischiandosene dei rischi per le casse pubbliche, degli impatti ambientali, delle comunità e delle amministrazioni che chiedono di spendere questi soldi in modo più intelligente, per esempio mettendo subito in sicurezza la Romea.
La verità è che questa autostrada serve solo a chi la fa, serve alle cricche mafiose del cemento che dopo il MOSE vogliono mettere le mani su un “bottino” ancora più succulento. A pagare saranno sempre e solo i cittadini e i lavoratori con tagli ai servizi e al welfare, tasse e disoccupazione!

La Orte-Mestre, la nuova autostrada di 400km, è un’opera inutile, distruttiva, bocciata pure dalla Corte dei Conti perché rischia di creare un “buco” di almeno 10 miliardi di euro. Eppure il Governo Renzi, con il decreto”Sbanca Italia”, vuole portarla avanti a tutti i costi infischiandosene dei rischi per le casse pubbliche, degli impatti ambientali, delle comunità e delle amministrazioni che chiedono di spendere questi soldi in modo più intelligente, per esempio mettendo subito in sicurezza la Romea.

La verità è che questa autostrada serve solo a chi la fa, serve alle cricche mafiose del cemento che dopo il MOSE vogliono mettere le mani su un “bottino” ancora più succulento. A pagare saranno sempre e solo i cittadini e i lavoratori con tagli ai servizi e al welfare, tasse e disoccupazione!

Un giorno a Lampedusa e a Zuwarah, a Evros e a Samos, a Las Palmas e a Motril saranno eretti dei sacrari con i nomi delle vittime di questi anni di repressione della libertà di movimento. E ai nostri nipoti non potremo neanche dire che non lo sapevamo. Dal 1988 sono morte lungo le frontiere dell’Europa almeno 21.344 persone. Di cui 2.352 soltanto nel corso del 2011, almeno 590 nel 2012, 801 nel 2013 e già 1.991 nei primi otto mesi del 2014. Il dato è aggiornato al 14 settembre 2014 e si basa sulle notizie censite negli archivi della stampa internazionale degli ultimi 26 anni. Di seguito trovate soltanto gli incidenti degli ultimi mesi. Per consultare la documentazione di Fortress Europe dal 1988, visitate il nostro speciale La strage. Per un’analisi statistica, frontiera per frontiera, leggete la scheda Fortezza Europa.

Lo “Sblocca Italia” considera di pubblica utilità, urgenti e indifferibili per decreto tutti gli interventi per ricerca di petrolio e metano, e per la rigassificazione e lo stoccaggio e il trasporto del gas. Il presidente del Consiglio l’aveva promessa ai “comitatini” ed è stato di parola: le maglie della valutazione d’impatto ambientale sono “allentate”. Dubbi, però, sulla costituzionalità della norme.

La , autostrada inutile che insieme a ha mangiato terreni agricoli e per cui sborseremo denaro.

Ispra ha diffuso un volume che mette a disposizione tutti i dati più aggiornati per avere il quadro chiaro della situazione attuale riguardo i cambiamenti climatici. Un formidabile strumento di consultazione.